//Asimov: Ciclo dell’impero
impero

Asimov: Ciclo dell’impero

0 votes
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

This post has already been read 779 times!

Continua il viaggio (anzi il mio Trip) nell’universo Asimoviano, con il secondo Ciclo parte del Ciclo esteso delle fondazioni

In questa articolo parlerò del cosiddetto Ciclo dell’impero.

Tale Ciclo è composto da 3 romanzi (non spaventatevi parliamo di circa 200 pagine a libro), che si possono leggere tranquillamente in maniera indipendente:

Si nota subito che lo stesso Asimov ha riordinato il ciclo in base alla posizione nell’era galattica (leggete la prefazione per i dettagli).

Le correnti dello spazio

La storia si svolge principalmente su 2 mondi: Sark, patria dei signori del Kirt, e Florina dove viene coltivato il Kirt, ovviamente il popolo vive nella miseria. Il Kirt viene descritto come un tessuto, molto simile al cotone, ma molto pregiato; è possibile per cause sconosciute coltivarlo solo su Florina, infatti se coltivato su un altro pianeta abbiamo del normalissimo cotone.
Nei pressi di Sark uno scienziato terrestre sparisce nel nulla, indaga sulla sparizione un rappresentante dell’impero. Lo scienziato prima di sparire aveva parlato di una minaccia che come conseguenza potrebbe portare alla distruzione di Florina.

Il tiranno dei mondi

Tutto il romanzo ruota attorno al pianeta Tiranno e al suo settore spaziale. Come si evince dal nome gli abitanti del pianeta Tiranno hanno schiavizzato il settore. I protagonisti si mettono alla ricerca di un fantomatico mondo della rivolta.
I rifermenti all’impero in questo libro sono inesistenti, è solo da inquadrare all’interno di quell’era galattica

Paria dei Cieli

Il romanzo si svolge, 800 anni dopo la nascita dell’impero galattico, sulla terra. Una terra ormai morente e radioattiva (la radioattività qui è la conseguenza di una guerra nucleare). I terrestri, grazie alla radioattività, sono considerati feccia dal resto dell’Impero e odiati. Si è persa memoria della terra come culla dell’umanità, anzi i terresti sono odiati anche perché si ostinano ad attaccarsi a quest’idea e grazie a questa condizione si sono rivoltati già molte volte.
Tutto ruota intorno a una macchina chiamata sinapsificatore, che promette di poter aumentare l’intelligenza di ogni essere vivente. Uno dei protagonisti viene dal passato, escono quindi idee interessanti sopratutto durante le visite mediche al quale viene sottoposto.

Valutazione

Il Ciclo dei Robot è più incentrato sul genere poliziesco, qui invece (come una parte del ciclo della fondazione) siamo principalmente sulla fantapolitica.
Romanzi godibili ma i meno avvincenti della serie. Il migliore è Paria dei Cieli.

Grazie ad un accordo di collaborazione l’articolo è stato pubblicato anche sul blog We are Geek