//Il giorno dei trifidi

Il giorno dei trifidi

0 votes
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

This post has already been read 915 times!

Il giorno dei trifidi (link sponsorizzato ebook e libro)è un romanzo apocalittico dello scrittore inglese John Wyndham pubblicato nel 1951, ha ispirato un film del 1963 noto in italia come L’invasione dei mostri verdi.

Trama

L’inizio del romanzo è alla Walking Dead (fumetto), il protagonista si trova in ospedale bendato, si sveglia è non trova nessuno, sente solo dei rumori confusi. Dopo essersi tolto le bende esplora l’ospedale e trova solo persone che hanno perso la vista e visto l’evento improvviso la ragione.
L’evento sembra essere stato causato da una presunta pioggia di meteoriti verdi che tutto il mondo ha potuto ammirare. Ben presto si scopre che solo i pochi che non hanno assistito alla pioggia hanno mantenuto l’uso della vista.
A complicare le cose ci si mettono i Trifidi, piante di origini sconosciute (probabilmente create dall’uomo) ma piantate il tutto il mondo visto il prezioso olio che producono. Le piante simili a erbacce vengono tollerate e riescono a prosperare. Un giorno senza preavviso si mettono a camminare e ad attaccare la gente. Viene da se che i non vedenti sono i primi a cadere vittima delle piante.

Genere

Vista l’età avanzata del romanzo possiamo affermare che siamo di fronte a un precursore del genere. Il già citato Walking Dead (almeno il fumetto) prende spunto in linea generale. Il risveglio in ospedale, il viaggio alla ricerca di superstiti, l’umanità costretta a difendersi dalla minaccia esterna barricandosi dietro cancellate, gruppi più o meno organizati che cercano di ricostruire la civiltà, ecc.
Da un certo punto di vista anche King per il suo Ombra dello scorpione sembra averne preso spunto (scoprirete perché leggendolo)

 Giudizio generale

Parliamo chiaro la trama a prima vista è un po idiota. Il romanzo invece è ben sviluppato, ben scritto,  e molto scorrevole (l’ho fatto fuori in una settimana).

Lo consiglio vivamente.

 

TAGS: