//Installazione e uso di AnBox
installazione e uso anbox

Installazione e uso di AnBox

1 vote
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

This post has already been read 1198 times!

Alcuni giorni fa ho deciso di riprendere in mano BeReader (urge una versione 2.0 con una piccola rivisitazione delle funzionalità) e per puro caso controllando i pacchetti disponibili su Snap mi sono imbattuto in AnBox. BeReader è l’app nata dal corso di programmazione Android che sto aggiornando e riportando su questo sito da Be Geek My Friend.
Per chi non lo conoscesse AnBox, acronimo di Android in a Box, è un progetto che promette di poter installare ed eseguire direttamente sulla nostra macchina Linux una buona parte delle applicazioni scritte per Android. Ho subito provato a vedere se poteva essere un buon sostituto del lentissimo AVD nel testing della nostre App per Android.

Installazione di AnBox

Ad oggi l’installazione è possibile solo tramite Snap e supporta solo Ubuntu e derivate. Basta un semplice comando per installare:

sudo snap install --classic anbox-installer && anbox-installer

Tale comando si occupa di scaricare tutte le dipendenze da apt, di compilare tutti i moduli richiesti dal kernel e di installare AnBox.

Da questo momento nel launcher del nostro desktop manager possiamo reperire AnBox e avviarlo.

Applicazione

L’applicazione ha un aspetto piuttosto semplice:

installazione e uso di anbox

Ovviamente il primo avvio è un po lento ma dopo fila che è un piacere.

Android Studio

Adesso inizia il divertimento.
Ho preparato un piccolo scheletro di App vediamo come farla girare su AnBox.
Niente di più semplice: lanciando Run in Android Studio, con AnBox avviato, nei possibili device troviamo anche AnBox nei Device connessi come se fosse un semplice telefono.

installazione e uso di anbox

Ecco il nostro scheletro avviato su AnBox:

installazione e uso di anbox

Non ho provato a ridimensionare la finestra ma vedo AnBox utile se si vuole testare l’App anche su Tablet.

Grazie ad un accordo di collaborazione l’articolo è stato pubblicato anche sul blog We are Geek