//[Snippet] Linux Shell: Gestione degli Alias
alias

[Snippet] Linux Shell: Gestione degli Alias

0 votes
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

This post has already been read 505 times!

In questo tutorial voglio parlarvi di una funzionalità molto utile della Shell Linux gli Alias.
Come si evince dal nome stiamo parlando di un “soprannome” che possiamo dare ad un comando singolo o ad un comando seguito da parametri. Ad esempio potremmo chiamare orso l’eseguibile /usr/local/bin/programmi_di_fabrizio/gigiballa o potremmo “sostituire” comandi già esistenti, il caso più comune è far si che lanciando un comando vengano aggiunti sempre gli stessi parametri.

Alias temporanei

Un alias temporaneo ha validità fino alla chiusura della sessione di terminale, vediamo come crearne uno:

alias nome_alias="comando"

Esempio concreto

Miglioriamo l’output del comando ls. Tale comando ci permette di vedere il contenuto della cartella corrente ma il risultato senza parametri è molto povero di informazioni, proviamo (molte distribuzioni creano già di default un alias per il comando ls, quindi il vostro output sarà sicuramente diverso dal seguente):

ls
directory du.txt  ieri.log  ieri_pulito.log  pulisci_log.sh  snippet

Avere una lista di file è utile, ma sapere che directory e snippet sono delle cartelle non guasterebbe, avere un’informazione sulle dimensioni dei file, sui permessi e magari un output colorato non sarebbe male. Per farlo ogni volta dovremmo lanciare ls -lh –color (-l sta per lista e -h per formato human readable,in KiloByte, MegaByte o GigaByte invece che in Byte):

 ls -lh --color
total 147M
drwxr-xr-x 2 fabrizio fabrizio 4.0K Jun 21 12:13 directory
-rw-r--r-- 1 fabrizio fabrizio  49K Jun  6 12:55 du.txt
-rw-r--r-- 1 fabrizio fabrizio 143M Jun 13 15:06 ieri.log
-rw-r--r-- 1 fabrizio fabrizio 3.9M Jun 13 15:06 ieri_pulito.log
-rwxr-xr-x 1 fabrizio fabrizio 1.8K May 26 11:44 pulisci_log.sh
drwxr-xr-x 2 fabrizio fabrizio 4.0K May 31 10:07 snippet

Meglio no? Creiamoci quindi un alias:

alias ls="ls -lh --color"

Da qui in avanti lanciando ls ha dei parametri fissi, possiamo aggiungerne anche altri alla vecchia maniera (lanciando ls -a avremo ls -lha –color, -a sta per visualizza file nascosti).

Possiamo togliere un alias quando vogliamo (ovviamente se l’alias è definitivo per farlo sparire completamente dobbiamo cancellarlo dal file sotto esposto):

unalias ls

Con il semplice comando alias possiamo vedere quali sono gli alias registrati (lanciandolo possiamo vedere che esiste già un alias per il comando ls).

Alias definitivo

Per rendere definitive le modifiche dobbiamo inserire il comando sopra esposto alla fine dello script .bashrc all’interno della nostra home utente (o sostituire quello creato dalla distribuzione sempre all’interno dello stesso file).

Grazie ad un accordo di collaborazione l’articolo è stato pubblicato anche sul blog We are Geek